Image
Image

Ecosostenibilità: Sistema per analisi di sostenibilità ambientale LCA

Life Cycle Assessment (LCA) è una metodologia che permette di valutare gli impatti ambientali associati ad un prodotto, processo o attività. Il sistema prende in esame l’intero ciclo di vita di un prodotto “dalla culla alla tomba” (from cradle to grave) e il potenziale impatto ambientale visto ad esempio come l’uso e il consumo delle risorse naturali (estrazione, trattamento e lavorazione delle materie prime) e le conseguenze ambientali dei rilasci dovuti alla produzione al trasporto e al suo uso e riuso e manutenzione fino al riciclo e alla sua collocazione finale dopo l’uso. L’analisi LCA è un mezzo che esprime in termini quantitativi numerici il potenziale impatto ambientale sui diversi macrosistemi terrestri attraverso l’identificazione e la quantificazione dei consumi di materia, energia e delle emissioni nell’ambiente e permette di confrontare in modo quantitativo prodotti simili e di individuare e valutare le opportunità per diminuire gli impatti.
Realizzare un’analisi di impatto ambientale utilizzando lo standard LCA è oggi possibile grazie all’ausilio di strumenti software che permettono di modellare il ciclo vita di un prodotto e di valutarne gli impatti, grazie all’utilizzo di database LCA, i quali contengono dati relativi ai flussi unitari necessari per la valutazione.
Negli ultimi anni si sta sempre più sviluppando la necessità di garantire la “trasparenza” della filiera di prodotto. Questo approccio, da un lato, permette ai consumatori di ricostruire la “storia” del prodotto scelto e, dall’altro, garantisce alle aziende la possibilità di identificare le responsabilità dei vari anelli della catena nelle varie fasi del processo produttivo. Risultano quindi di fondamentale importanza i concetti di “rintracciabilità” e “tracciabilità”, i quali pur riferendosi entrambi alla capacità di ricostruire la storia e di seguire l’utilizzo di un prodotto mediante identificazioni documentate relativamente ai flussi materiali ed agli operatori di filiera, si differenziano secondo le seguenti definizioni:
  • per tracciabilità si intende un “processo informativo” che segue il prodotto dall’inizio alla fine del suo cammino lungo la filiera produttiva.
  • per rintracciabilità si intende il “processo informativo” inverso cioè si parte dalla fine del percorso del prodotto, per risalire alle sue origini.
Image
Sia la tracciabilità che la rintracciabilità richiedono l’utilizzo di un sistema di identificazione (Rfid) o etichettatura opportunamente progettato che consenta l’immagazzinamento di un insieme di informazioni chiave al fine di certificare la qualità dei prodotti all’interno dell’intera filiera. È chiaro che tali concetti possono essere efficientemente messi in pratica solo con un’efficiente gestione della produzione tramite il monitoraggio dei materiali, dei processi di trasformazione e degli eventi.
I vantaggi che si possono ottenere grazie ad una gestione basata su tracciabilità e rintracciabilità del prodotto, sono differenti:
  • Sistema integrato di tracciabilità di catena, con analisi e calcolo LCA e LCC.
  • Identificazione univoca dei lotti con utilizzo delle migliori tecnologie (Barcode – RFID etc..).
  • Calcolo dell’impatto ambientale di ogni lotto in base al percorso della catena.
  • Software di simulazione “preventiva” e di calcolo “consuntivo” del lotto identificato. Possibilità di tracciabilità delle materie prime.
I nostri applicativi prevedono la tracciabilità delle movimentazioni di tutte le materie prime e trasformate e ciò permette di inserire la propria azienda in qualsiasi percorso di verifica e controllo che richieda l'analisi dei cicli, l'impatto ambientale e la valutazione della propria ecosostenibilità (LCA e LCC).
Image

Richiesta di ulteriori informazioni

Cortesemente compilare tutti i campi obbligatori
Cortesemente compilare tutti i campi obbligatori
Cortesemente compilare tutti i campi obbligatori